DAKOTAS E WYOMING Nativi Americani e storia del West - 13 giorni - Partenza giugno 2023

null
null
null
null
null
null
null
null
null
null
null
  • Tour
  • Cultura
  • Natura
  • Famiglie
  • Gruppi

DAKOTAS E WYOMING - CODICE: GRPUSA010

Questo viaggio accompagnato negli Stati Uniti si snoda tra South e North Dakota e per un breve tratto anche in Wyoming.
Si tratta di un itinerario molto particolare che tocca vasti territori popolati sin dall’antichità da nativi americani seminomadi e attraversa anche gli ultimi due secoli della storia del West.
Vedremo luoghi e monumenti sacri ai Nativi, attraverseremo alcune riserve indiane per conoscerne la storia passata e presente, ripercorreremo le tracce della spedizione di Lewis e Clark, le orme dei pionieri e attraverseremo praterie e colline dove ancora vivono i bisonti, entrando nella storia e nelle leggende della Frontiera.
Un viaggio in America particolare e capace di regalare esperienze ed emozioni che rimarranno per sempre


NB: Il programma di viaggio, così come ideato, potrà essere svolto in ogni suo dettaglio in funzione dell'evoluzione della situazione sanitaria. Particolari normative potranno essere introdotte dai singoli Stati americani e/o nelle comunità indiane, facenti riferimento unicamente ai governi tribali"

 

 

IL VIAGGIO: TOUR ESCLUSIVO "I VIAGGI DEGLI ESPERTI" in minivan con accompagnatore dall'Italia
DURATA: 13 giorni/11 notti
PERIODO MIGLIORE: La fine della primavera ha solitamente temperature piacevoli e un clima secco ma vasti fronti di aria fredda proveniente da nord possono far abbassare notevolmente e improvvisamente le temperature.
Temperature da 5 a 30°C
PARTENZA : giugno 2023
QUANDO PRENOTARE: Il viaggio verrà confermato al raggiungimento di un minimo di 8 partecipanti (max 16)
E’ richiesto il versamento di una caparra di euro 100 per persona (restituita in caso di viaggio non confermato)
PARTENZA: Dai principali aeroporti italiani per Rapid City, South Dakota
ARRIVO:

Rapid City, South Dakota

CONSIGLIATO A:

Chi ama viaggiare in compagnia e voglia avvicinarsi alla storia e alla cultura dei nativi americani, apprendere la storia dell’esplorazione del West e l’evoluzione moderna di questa parte degli Stati Uniti.
Esperienze e panorami unici, da godere senza la fretta e lontani da ogni folla. Sono previste alcune passeggiate, non obbligatorie, ma facili e adatte a tutti.
I nostri consulenti di viaggio sono a tua disposizione per qualsiasi chiarimento in merito

 

DOCUMENTI e INFO Passaporto con scadenza oltre la data di rientro in Italia. ESTA obbligatorio. In alcuni casi è necessario richiedere il VISTO. Controlla qui tutti i requisiti necessari

 

 

Giorno 1   ITALIA – RAPID CITY
Partenza dall’Italia. Scalo in Europa e secondo scalo negli Stati Uniti (con tutta probabilità Denver)

Arrivo a Rapid City in serata e trasferimento in hotel nel centro città.  Cena libera e pernottamento.

 

Giorno 2   RAPID CITY – MT. RUSHMORE – CRAZY HORSE MEMORIAL – CUSTER S.P. - RAPID CITY   km 160 ca.
Dopo la colazione partenza per le Black Hills, basse e boscose montagne che occupano la parte occidentale dello stato del South Dakota.
Arikara, Cheyenne, Crow, Kiowa e Arapaho erano tribù di nomadi e cacciatori, presenti in questi territori  già da secoli. Nel corso del ‘700 i Lakota Sioux, originari del Minnesota, raggiunsero le Black Hills e diventarono presto la tribù dominante spingendo i primi nativi a migrare verso altre terre.
Nei primi anni settanta dell’800 nelle Black Hills venne scoperto l’oro. Il sogno di ricchezza e di una nuova vita richiamò nella regione migliaia di cercatori e pionieri provenienti dagli stati dall’est.
I Nativi vennero allontanati con la forza dall’esercito federale e confinati nelle riserve.
Grazie alla ferrovia l’area delle Black Hills cominciò a svilupparsi e in anni più recenti, con nuove opere viarie, questa magnifica regione cominciò ad attrarre anche i turisti.

Ci fermeremo al Crazy Horse Memorial, la più grande scultura al mondo, tuttora in lavorazione e scolpita a tutto tondo nella montagna. Rappresenta Cavallo Pazzo, il grande condottiero Lakota Sioux.
Lo scopo del Memorial, anche in contrapposizione alle sculture presidenziali del vicino Mount Rushmore, è di ricordare a tutti che queste erano le terre sacre dei Nativi Indiani.
Con l’adiacente museo delle nazioni indiane si vuole mantenere e trasmettere ai posteri il patrimonio culturale dei Nativi Americani.
Percorreremo poi una strada panoramica attraverso il parco statale di Custer, l’unica riserva di proprietà statale degli Stati Uniti con la più grande mandria di bisonti allo stato brado (circa 1500 capi)
Raggiungeremo Mount Rushmore, uno dei simboli iconici degli Stati Uniti realizzato a partire dal 1927,
scolpendo nel granito i volti di quattro famosi presidenti: Washington, Jefferson, Theodore Roosevelt e Lincoln,
a simboleggiare la nascita, la crescita territoriale, la conservazione e lo sviluppo e degli Stati Uniti.
Visita al National Memorial e in serata rientro a Rapid City. Cena libera e pernottamento.

 

Giorno 3   RAPID CITY – PINE RIDGE INDIAN RESERVATION – WALL   km 320

Al mattino partenza per la Pine Ridge Indian Reservation, una piccola parte di quella che era una vasta riserva indiana originariamente prevista per la nazione Sioux e ora riserva degli Indiani Oglala Lakota.
Fu proprio qui, presso gli Oglala, che il nostro Vittorio Zucconi, ebbe una grande esperienza di vita personale che diede origine al suo famoso libro “Gli spiriti non dimenticano - Il mistero di Cavallo Pazzo e la tragedia di Sioux”  (1998 ed. Mondadori – Collana oscar storia)
Una comunità con problemi sociali ed economici importanti ma dove si lavora per il recupero delle radici culturali e lo sviluppo. La prima sosta è prevista alla Red Cloud Indian School, con l’annesso centro artistico e culturale, creata dalla missione gesuita. Accompagnati da guide native visiteremo il memoriale del massacro di Wounded Knee, un fatto tragico che sancì, nel 1890, la fine delle rivolte indiane contro il governo americano.  Nel pomeriggio, attraverso gli sconfinati paesaggi delle praterie e delle Badlands, proseguiremo per l’abitato di Wall.
Cena all’omonimo drugstore, una sorta di grande “Emporio del West” dove si concentrano vari negozi e locali a gestione famigliare. Il Wall Drugstore è un’ “icona stradale” del South Dakota e da decenni è una tappa quasi obbligata per gli automobilisti che viaggiano verso le Black Hills o il Midwest.  Pernottamento a Wall.

Giorno 4   WALL – BADLANDS N.P. – PIERRE   km 280

Dopo la colazione partenza in direzione sud, verso il Parco Nazionale delle Badlands.

 “Les mauvais terre a traverser”, come le chiamarono i primi avventurieri francesi che si erano inoltrati in questa regione, sono il fondo di un antico mare poi ritiratosi.

Lo spettacolare e arido panorama delle Badlands è stato scolpito dagli elementi nel corso delle ere.
Questo Parco Nazionale ha un altissimo valore geologico e paleontologico tanto che numerosi sono ancora oggi i ritrovamenti importanti e gli scavi ancora in atto.
Si proseguirà verso est lungo la strada panoramica che attraversa il Parco.
In numerosi punti spuntano, dalle loro tane sotterranee, i Prairie Dogs, roditori comuni nella prateria, simili alle marmotte. Soste e brevi passeggiate nei punti più panoramici.
Nel pomeriggio proseguimento per Pierre, la piccola capitale del Sud Dakota.

Sistemazione in hotel, cena libera e pernottamento.

 

Giorno 5   PIERRE – CHEYENNE RIVER VALLEY – FORT YATES – BISMARCK   km 450

Dopo la colazione faremo una visita al Cultural Heritage Center, dove si potrà conoscere l’evoluzione degli eventi che negli ultimi due secoli hanno visto pionieri e coloni prevalere e quasi cancellare la cultura dei nativi americani.
Attraverseremo il Fiume Missouri verso il Fischer Lilly Park, luogo dove, nel 1804, gli esploratori Lewis e Clark ebbero il loro primo incontro con gli indiani Teton Sioux, tribù brulè – Black Buffalo. Gli indiani si sentirono disturbati dall’arrivo di stranieri nel luogo ove campeggiavano a ridosso del fiume.  La tribù, all’epoca, si presentava numerosa e ben armata, certamente ostile e poco disposta a convenevoli.
Ad un’iniziale momento di confusione e di disputa seguì un atteggiamento altamente diplomatico da parte degli esploratori che evitò uno scontro violento. Fu così che Lewis e Clark ebbero l’opportunità di trascorrere alcune giornate insieme ai Teton Sioux, come sperato dal presidente Thomas Jefferson, in modo che gli esploratori potessero lasciare un’impressione favorevole.
Seguiremo poi uno dei percorsi rurali più belli lungo la Native American Scenic Byway, nell’America profonda, attraverso le riserve tribali di Eagle Butte, Cheyenne River e Standing Rock. Questa è l’unica strada panoramica americana che attraversa territori tribali.
Alterneremo viste panoramiche sul Missouri e sulle verdeggianti colline fino a raggiungere il monumento e la tomba di Toro Seduto - Sitting Bull. Il grande leader Sioux è sepolto vicino al grande fiume.
Si proseguirà per Fort Yates, attuale capoluogo della riserva di Standing Rock, luogo in cui Toro Seduto fu assassinato.
Proseguiremo verso nord per arrivare a Bismarck, capitale del North Dakota.  Sistemazione in hotel, cena libera e pernottamento.

Giorno 6   BISMARCK – FORT LINCOLN – FORT MANDAN - MINOT   km 235

Dopo la colazione visiteremo il North Dakota Heritage Center, un museo che racconta la storia della regione delle grandi praterie e dello stato nel North Dakota.
Ci sposteremo poi sulla sponda destra del Missouri per raggiungere il parco statale di Fort Lincoln.
Visiteremo l’antico villaggio indiano, On-A-Slant, dove si possono vedere gli Earth Lodge, grandi abitazioni semi-interrate dei nativi Mandan.

Questa tribù semi nomade coltivava la terra con piantagioni di cereali lungo le rive del fiume.
I Mandan furono tra i primi a intrattenere interazioni commerciali con i cacciatori di pellicce, grazie alla posizione geografica strategica che occupavano lungo il fiume Missouri, arteria principale dei cacciatori e dei commercianti di pelli dell’epoca.
Nello stesso parco ci sono anche vecchi edifici militari, ristrutturati o ricostruiti, tra quali spicca la casa abitata dal generale George Armstrong Custer e le baracche del 7° cavalleggeri.

Fu proprio da qui che l’esercito federale partì per uno degli appuntamenti più drammatici della storia:  la battaglia di Little Big Horn.
Proseguiremo poi verso nord per un breve stop al sito archeologico di Double Ditch, dove una volta sorgeva un grande villaggio Mandan.
Le visite continuano lungo il Missouri, al Lewis and Clark Interpretive Center, piccolo centro museale che immerge i visitatori nella storia dell'avventurosa spedizione di Lewis e Clark, esploratori del grande West americano.
Di Lewis e Clark parleremo anche a Fort Mandan, costruito dagli uomini della spedizione per la lunga sosta durante il rigido inverno del 1804-05.
A Fort Mandan avvenne l’incontro degli esploratori con la giovane indiana Sacagawea o Sakakawea, di stirpe Shoshone, figura rivelatasi fondamentale per il successo della spedizione stessa.
Nel pomeriggio proseguimento per Minot, città del North Dakota settentrionale, conosciuta come la "città magica". Seppur piccola, si tratta di una cittadina molto vivace e con profonde radici culturali scandinave.
La maggior parte degli abitanti di Minot discende da immigrati norvegesi e del Nord Europa.

A parte questo importante dettaglio, tra le curiosità del passato cittadino, si ricorda l’epoca del proibizionismo e il commercio illegale di alcolici che transitava proprio in città, tramite passaggi sotterranei nascosti, che consentivano gli scambi con il vicino Canada. Una delle figure di spicco per questo mercato nero di distillati, fu proprio Al Capone.
Sistemazione in hotel, cena libera e pernottamento.

 

Giorno 7   MINOT – NEW TOWN – WATFORD CITY   km 220
Dopo la colazione faremo una passeggiata nello Scandinavian Heritage Park, parco cittadino che onora le origini scandinave degli abitanti. In mezzo al verde svetta una replica a grandezza naturale della bellissima Chiesa norvegese di Gol, costruita interamente in legno.
Nella seconda parte della mattinata raggiungeremo New Town, sul fiume Missouri e vicino al grande lago Sakagawea.
Tra le colline della riva destra del fiume ci fermeremo all’Earth Lodge Village, ricostruzione di un villaggio indiano realizzata dalle tre tribù affiliate, Mandan, Hidatsa e Arikara, conosciute ora come M.H.A. Nation.
Il sito conta diversi Earth lodge realizzati in terra, paglia e legno. Nel grande lodge centrale i nativi celebrano e fanno rivivere antiche danze e tradizioni regalando un’esperienza unica in queste terre.

All’origine il Lodge centrale aveva un diametro di 27 mt. ed era la struttura più importante di tutto il villaggio. Curiosamente la proprietà di questa abitazioni era della donne mentre agli uomini spettava la costruzione.

Nel pomeriggio, breve sosta panoramica alla Crow Flies Recreation Area, che domina il lago Sacagawea e il fiume Missouri. Si raggiungerà quindi Watford City, moderno centro del North Dakota occidentale.

Sistemazione in hotel, cena libera e pernottamento.

Giorno 8   WATFORD CITY – FORT UNION – FORT BUFORD - T. ROOSEVELT N.P. NORTH UNIT – MEDORA   km 350

Dopo la colazione si partirà per Fort Union, uno dei più attivi Trading Post del vecchio West.
Un sito storico nazionale, attivo come luogo di scambio commerciale dove gli occidentali scambiavano armi, utensili e alcool con pelli di castoro e di bisonte con le tribù Assiniboine, Crow, Cree, Blackfoot, Hidatsa e Lakota.
Un luogo molto conosciuto dagli uomini della Frontiera e che fu per anni quartier generale della American Fur Company.
Nelle vicinanze ci fermeremo a Fort Buford, dove Sitting Bull, leader degli Hunkpapa Sioux, si arrese definitivamente all’esercito federale.
Nei pressi del vecchio forte si trova l’area naturalistica dove il fiume Yellowstone confluisce nel grande Missouri.

Proseguimento poi in direzione sud per visitare l’unità settentrionale del Parco Nazionale Theodore Roosevelt. Il parco prende il nome dal 26° presidente americano, che, in giovane età, per una disgrazia in famiglia, lasciò la città di New York fuggendo al dolore e cercando rifugio in terre selvagge, dedicandosi alla caccia al bisonte. E furono proprio queste terre che forgiarono il giovane uomo in un processo di crescita e maturazione che lo portò successivamente alla presidenza del Paese.
Questo è l’unico Parco Nazionale degli Stati Uniti che porta il nome di una persona. A Teddy Roosevelt lo Stato del North Dakota ha deciso di dedicare la classica Presidential Library che è già patrimonio di tutti gli altri presidenti americani e la cui realizzazione è prevista per il 2024/2025.
Il parco vanta una ricca fauna selvatica ma nella North Unit prevalgono grandi panorami e curiose conformazioni geologiche del terreno. Proseguimento per Medora, graziosa cittadina marcatamente “western style”, fondata da un eclettico francese, il Marchese De Mores, avventuriero e imprenditore, che diede al nuovo insediamento il nome dalla moglie, Medora.  

Sistemazione in hotel, cena in saloon e pernottamento.

 

Giorno 9   MEDORA – T.ROOSEVELT N.P. SOUTH UNIT - MEDORA   km 70

Dopo la colazione ci muoveremo presto per visitare l’unità meridionale del Parco Nazionale.
Nelle prime ore del mattino è più facile avvistare bisonti, cavalli selvaggi e cani della prateria.
Le strade del parco si snodano in un’area panoramica nota come le Badlands del North Dakota.
Oltre agli animali già menzionati, veri simboli del Parco, sono presenti anche cervi, alci, coyote, capre bighorn, linci, tassi, castori, serpenti a sonagli e varie specie di uccelli tra cui l'aquila reale.
Rientro a Medora dove potremo visitare la prima dimora di Theodore Roosvelt o il Chateau de Mores, la vecchia residenza del ricco commerciante di carni di origine francese.

Medora è anche famosa per il Medora Musical che, insieme al Medora Pitchfork Fondue, dove fare un’esperienza culinaria western, è diventato una delle attrazioni più popolari di questa regione.

Cena e pernottamento a Medora

Giorno 10   MEDORA – DEVIL’S TOWER – DEADWOOD   km 485

Dopo la colazione partenza verso lo stato del Wyoming. Arriveremo alla Devil’s Tower, la Torre del Diavolo, una montagna simbolo, immortalata persino sulle targhe automobilistiche dello stato. In realtà il suo nome indiano e Bear Lodge Butte.
Un monolite basaltico che si eleva per quasi 400 metri rispetto al territorio circostante, caratterizzato da basse colline.
Nel 1906 la montagna fu dichiarata National Monument dall'allora presidente Theodore Roosevelt.
E' uno dei paesaggi più caratteristici e misteriosi del Wyoming, famoso anche grazie al film "Incontri ravvicinati del terzo tipo" di Steven Spielberg.
Una leggenda degli indiani Lakota racconta che, mentre sette bambine raccoglievano dei fiori ai piedi del monte, degli orsi si avvicinarono per divorarle.  Il Grande Spirito le salvò trasportandole in cima al picco e le ragazze si tramutarono in stelle, le famose pleiadi.
I solchi sui lati del monte sarebbero le incisioni lasciate dagli artigli degli orsi mentre tentavano di arrampicarsi per raggiungere le bambine. La montagna è sacra per Lakota, Cheyenne e Kiowa.

Nel pomeriggio proseguimento verso le Black Hills del South Dakota e arrivo a Deadwood.

L'Historic District, il quartiere storico, fu dichiarato monumento storico nazionale nel 1961.  I suoi locali e i suoi saloon sono un must per una cena o un drink e offrono un’immersione nelle atmosfere del vecchio West.
Sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

 

Giorno 11   DEADWOOD – RAPID CITY   70 km
Dopo la colazione faremo un giro per Deadwood.
Il villaggio, dopo le spedizioni del Generale Custer, e con la corsa all’oro del 1876, si sviluppò come importante centro minerario.
Con i cercatori arrivarono anche faccendieri e personaggi senza scrupoli tra cui i fuorilegge
Wild Bill Hickok e Calamity Jane, divenuti poi vere leggende del West.
Nel cimitero cittadino, posto su una collina, si possono ancora vedere le loro tombe.
Merita una visita il Museo dei giorni del '76 dove si potrà conoscere la storia della corsa all’oro e dei primi pionieri che arrivarono nelle Black Hills. Con un breve tratto attraverso le boscose “colline nere” rientreremo a Rapid City nel primo pomeriggio. Sistemazione in hotel e tempo libero per attività a piacere.

Cena libera e pernottamento.

 

Giorno 12   RAPID CITY – in volo

Colazione e tempo a disposizione fino al trasferimento in aeroporto, secondo l’operativo voli.

Volo di rientro per l’Italia con un primo scalo negli USA.

Cena e pernottamento a bordo

 

Giorno 13   in volo – ITALIA

Arrivo all’aeroporto di destinazione secondo l’operativo

 

 

 

Le quote comprendono:

  • 11 pernottamenti negli hotel indicati o similari
  • 11 prime colazioni in hotel come indicato in programma
  • Trasferimenti in arrivo e partenza da Deadwood
  • Trasporto in 2 minivan 7 posti
  • Accompagnatore/autista parlante esclusivamente italiano per tutta la durata del tour
  • Visite ed escursioni come da programma
  • Ingressi come da programma
  • Tasse locali e federali

Le quote non comprendono:

  • Voli e tasse aeroportuali
  • Assicurazione obbligatoria annullamento/medico/bagaglio
  • Pasti e bevande non menzionati in programma
  • Facchinaggio
  • Quota iscrizione
  • Mance per l'autista ($4/5pppg) e l'accompagnatore ($6/8pppg)
  • Esta e Test Covid-19 
  • Extra in genere e tutto quanto non espressamente indicato
Quota per persona da:
Doppia
Singola
Tripla
Unica data di partenza giugno 2023
3.730,00 €
4.720,00 €
3.400,00 €


Prezzo indicativo a partire da 3.730 € A PERSONA

Richiedi informazioni

Richiedi informazioni

  CHIAMA ADESSO!

Contattaci tutti i giorni negli orari di apertura
Comunica il codice viaggio: GRPUSA010

  OPPURE SCRIVICI VIA EMAIL

Privacy Policy.
Compila i campi e sarai ricontattato