THAILANDIA E LE MERAVIGLIE DEL NORD SUD EST ASIATICO - Alla Scoperta di Luoghi Remoti

null
null
null
null
null
null
null
null
null
null
null
null
  • Tour
  • Natura
  • Cultura
  • Gruppi
  • Coppie
  • Famiglie

THAILANDIA E LE MERAVIGLIE DEL NORD - CODICE: WORLDTOP02

Partiamo alla scoperta di una Thailandia classica ma in un itinerario che ci condurrà verso luoghi remoti e poco conosciuti.

 

IL VIAGGIO: tour accompagnato
DURATA CONSIGLIATA: 7 giorni di tour 
PERIODO MIGLIORE: da novembre a febbraio sono i mesi meno piovosi e meno caldi
QUANDO PRENOTARE: almeno 6 mesi prima della partenza, per avere più scelta e disponibilità di strutture
PARTENZA: Bangkok
ARRIVO: Chiang Rai
CONSIGLIATO A:

chiunque voglia immergersi nella magia dell'antico regno del Siam

DOCUMENTI e INFO UTILI:

Passaporto con validità residua di almeno 6 mesi al momento dell’arrivo e almeno due pagine libere rimanenti per l’apposizione del visto. Non è necessario il visto d’ingresso per soggiorni per motivi di turismo non superiori ai 30 giorni. All’arrivo in Thailandia per via aerea viene apposto sul passaporto un timbro che ha valore di visto d’ingresso e consente la permanenza nel Paese per 30 giorni. 
Controlla qui tutti i requisiti necessari

 

 

Arriviamo all’aeroporto internazionale di Bangkok e ci trasferiamo in hotel. Il pomeriggio è libero da dedicare al relax dopo il lungo volo intercontinentale

 

Il giorno successivo iniziamo il nostro tour accompagnato alla scoperta di Bangkok.
La prima tappa sarà il celebre Wat Pho, il “Tempio del Buddha reclinato”, con la sua  enorme statua del Buddha disteso, alta 15 metri e lunga 46 metri. Il Wat Pho è il monastero Buddista più antico di Bangkok ed ospita anche la più antica scuola di massaggi thailandese.

 

A seguire, con un battello pubblico raggiugeremo il Wat Arun “Tempio dell’Aurora”, vero e proprio simbolo della città e un tempo residenza Reale di Re Taksin. E’ ubicato sulla sponda opposta del fiume Chao Praya rispetto al Wat Pho e alla moderna Bangkok.

Da qui sarà breve la distanza per raggiungere il caratteristico quartiere di Kudicheen (Kudi Chin), uno dei primi insediamenti in Bangkok dopo la distruzione di Ayuttaya, che conserva ancora intatte la propria identitá e le proprie architetture. Le pittoresche case di legno sono protette dallo splendido campanile della chiesa di Santa Cruz, edificata dai portoghesi intorno al 1770 e poi ristrutturata in stile neo-rinascimentale da due architetti Italiani agli inizi del 1900.

Proseguiamo a piedi lasciando l’intricata rete di canali che forma la periferia della Capitale, lungo un percorso ricco di atmosfera fino a raggiungere il piccolo villaggio e conoscere la comunita’ locale, dove il tempo sembra essersi fermato!

Visiteremo l’antica pasticceria (Thanusingha Bakery House) che tutt’ora sforna i prelibati dolci portoghesi a base di uova e zucchero, il piccolo museo Baan Kudi Chin e l’esotico tempietto taoista di Kuan An Keng Shrine, immersi in un caleidoscopio di culture perfettamente in sintonia fra loro. 

Pranzeremo in un ristorante sul fiume Chao Praya.

Nel pomeriggio l’ultima e piu’ importante tappa della giornata: il maestoso e stupefacente Royal Grand Palace con il Wat Phra Kaew, il “Tempio del Buddha di Smeraldo”.

Il Palazzo Reale di Bangkok include al suo interno anche il Palazzo Chakri (visitabile solo dall’esterno), il Palazzo Dusit e il Palazzo Montien, questi ultimi visitabili all’interno solo in alcuni periodi.

 

Ci spostiamo in direzione Nord fino a raggiungere Ayuttaya, la città che fu sede dei Re del Siam per oltre 400 anni.

La prima visita della giornata sarà il Wat Mahathat, noto per la testa del Buddha incastonata fra le radici di un albero secolare.
A seguire raggiungeremo le rovine delle celebri pagode campaniformi nel tempio dell’antico palazzo reale, il Wat Sri Samphet.

Visiteremo anche le pagode in stile cambogiano dell'immenso Wat Chai Wattanaram, scenicamente adagiato sulle rive del fiume Chao Praya, in un contesto mistico e di grande suggestione.

Da Auyttaya sarà poi breve la distanza per raggiungere Ang Thong e il tempio Wat Muang, noto per il maestoso e stupefacente Buddha dorato che svetta al cielo per 92 metri di altezza, e che rappresenta l’immagine sacra più imponente della Thailandia.


Raggiungeremo poi Phichit, dove visiteremo uno dei Santuari piu’ insoliti in Thailandia, il Wat Mai Plai Huai.

Avvolti in un clima surreale, ci inoltreremo alla scoperta di questo magico complesso templare, angolo di Thailandia ancora sconosciuto al turismo occidentale e di massa, luogo di culto e pellegrinaggio, fra mistiche rappresentazioni della vita Buddhista, imponenti santuari, statue di animali sacri e ammalianti raffigurazioni soprannaturali.


Da Phichit diretto trasferimento a Sukhothai, la prima Capitale del Siam, adagiata fra le risaie delle pianure centrali thailandesi è, dei siti archeologici piu’ importanti del sud-est asiatico, stato dichiarato dall’UNESCO Patrimonio Mondiale dell’Umanita’.

Sukhothai e’ la culla dell’arte, della cultura e della lingua thailandese; merito del grande Re Ramkhameng, la cui statua e’ proprio all'ingresso del Parco Storico.

Visiteremo i templi Wat Mahathat, Wat Sa Sri e Wat Sri Sawai, immersi nella pace e nella tranquillita’ della sonnolenta campagna thailandese.
L’escursione verra’ effettuata in bicicletta o utilizzando i trenini elettrici messi a disposizione dalle autorita' locali.

Usciti dalle mura perimetrali del Parco Storico raggiungeremo il Wat Sri Chum, dove potremo ammirare la maestosa e imponente statua del Buddha alta 15 metri.

Prossima tappa l’Organic Farm a Sri Satchanalai, attraversando l’esotica e suggestiva provincia rurale della Thailandia piu’ tradizionale. Passeggiando all’interno della fattoria potremo osservare, tra le altre coltivazioni, le diverse fasi della lavorazione del riso, l’elemento principale e autentico re della tavola nella cucina thailandese e asiatica.

Il nostro pranzo nell’Organic Farm sarà preparato con i loro prodotti delle colture biologiche.

 

Proseguiremo in direzione Nord fino a raggiungere il territorio dell’Antico Regno di Lanna, dove Chiang Mai (la “Rosa del Nord") ne fu la Capitale per piu’ di 5 secoli.

Risaliremo le colline che dominano la citta’ fino a raggiungere i 1060 metri di altitudine, dove troviamo lo splendido Wat Prathat Doi Suthep.
Il tempio, con la sua maestosa e suggestiva pagoda dorata, e’ il vero e proprio simbolo della citta’, fascinosamente incastonato sulla cima della montagna in un contesto paesaggistico di grande atmosfera. E’ possibile raggiungere la vetta sia tramite i comodi ascensori sia percorrendo gli oltre 300 gradini dell’antica scalinata. Proseguimento fino alla montagna del Doi Pui, dove visiteremo un caratteristico villaggio di etnia Hmong, incastonato fra le montagne ricoperte di giungla e ancora lontano dal turismo di massa.

I templi e gli edifici piu’ importanti della citta’ rimangono all’interno delle un tempo alte e possenti mura perimetrali a pianta quadrata, ora in rovina, che delimitavano il centro cittadino. Visiteremo il meraviglioso Wat Phra Sing, due edifici dall’originale e caratteristica struttura in legno intagliato, decorato e impreziosito da inserti in oro. Adiacente troviamo la pagoda campaniforme funeraria del Re Mengrai e l'antica biblioteca dei monaci.

Ci aspetta inoltre la visita del mistico e imponente Wat Chedi Luang, prima di uscire dalle mura cittadine e raggiungere il Wat Jet Yot, tempio unico nel suo genere e lontano dagli itinerari turistici piu’ frequentati, con le sue sette pagode che svettano al cielo. Da qui opzionalmente e senza supplemento sara’ possible raggiungere il villaggio di Bosang, con le sue botteghe artigianali, noto per la produzione dei famosi ombrelli thailandesi di carta dipinti a mano.


Usciti dalla citta’ di Chiang Mai, nella immediata provincia rurale visiteremo il mistico complesso templare del Wat Phrathat Doi Saket, sulla cima della collina e ancora non raggiunto dal grande turismo, in un’oasi di pace e tranquillita’ con bella visuale sul paesaggio circostante e sulle prime montagne della provincia di Chiang Rai.

Proseguimento  fino a raggiungere lo stupefacente Wat Rong Khun, meglio conosciuto come il “Tempio Bianco” e poi verso Nord fino a scoprire le aspre vette ricoperte di giungla che segnano il confine naturale fra Thailandia e Birmania.

Da qui sarà breve la distanza per raggiungere il Triangolo d’oro, uno dei luoghi più celebri del Sud-est asiatico, e che rappresenta il punto dove le acque del Grande fiume Mekong toccano contemporaneamente la Birmania, la Thailandia e il Laos.

Proseguimento con la visita della “Casa Nera”, il Museo Baan Dam, prima del trasferimento a Chiang Rai, dove ammireremo lo spettacolare Wat Rong Suea Ten “Tempio della tigre danzante”, noto come il Tempio Blu: di recente costruzione, pur rimanendo ancora sconosciuto al turismo di massa, e’ senza dubbio, insieme al Tempio Bianco, uno dei templi piu’ incantevoli e suggestivi del Paese.

Sara’ questa  l’ultima visita della giornata, con la quale completeremo un percorso davvero unico che unira’ Buddhismo e arte moderna in un contesto esotico ammaliante e fortemente spirituale.  

 


Questo itinerario è solo consigliato

Può essere modificato e personalizzato secondo le tue esigenze e secondo la tipologia di sistemazione preferita

Per una quotazione contattaci o compila il form sottostante

 



Richiedi informazioni

Richiedi informazioni

  CHIAMA ADESSO!

Contattaci tutti i giorni negli orari di apertura
Comunica il codice viaggio: WORLDTOP02

  OPPURE SCRIVICI VIA EMAIL

Privacy Policy.
Compila i campi e sarai ricontattato
Questo sito non utilizza cookie di profilazione propri. Sono invece utilizzati cookie tecnici e di terze parti per fini operativi, statistici e pubblicitari. Per sapere a cosa servono i cookie e per impostare le proprie preferenze visitare la pagina Cookies Policy. Continuando la navigazione o chiudendo questo avviso, acconsenti all'uso dei cookie e ai termini riportati alla pagina Cookies Policy.
OK